04/10/2020

La diversificazione contributiva per gli imballaggi poliaccopiatti a prevalenza carta

Da ottobre 2020 via alla fase sperimentale.

 

La diversificazione contributiva per gli imballaggi poliaccopiatti a prevalenza carta è un’importante iniziativa che rappresenta un ulteriore passo avanti nella modulazione del Contributo ambientale Conai (CAC) in funzione dell’effettivo riciclo degli imballaggi nei diversi materiali.

La modulazione dei contributi ambientali previsti dai sistemi di responsabilità estesa dei produttori è infatti uno dei capisaldi del nuovo approccio proposto a livello comunitario, per prevenire a monte l’impatto ambientale degli imballaggi e promuoverne un’attenta progettazione. Rientra quindi tra le leve più efficaci di prevenzione dell’impatto ambientale degli imballaggi, che Conai promuove all’interno della propria strategia per l’Economia Circolare; a questa si affiancano iniziative di supporto alle imprese sulle tematiche di Eco-Design e Design For Recycling.

Con particolare riferimento alla progettazione per il riciclo degli imballaggi cellulosici, sono state di recente definite, da Conai con la collaborazione di Comieco, apposite linee guida (www.comieco.org/linee-guida-sulla-facilitazione-delle-attivita-di-riciclo-degli-imballaggi-in-carta) facenti parte di "Progettare riciclo" attività di prevenzione di CONAI che rappresenta oggi uno strumento fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi di economia circolare.

Per la filiera della carta il progetto di diversificazione è stato orientato fin dall’inizio a migliorare l’efficacia del processo di valorizzazione degli imballaggi a base cellulosica più complessi da riciclare, attraverso il consolidamento e lo sviluppo delle attività di raccolta e di selezione per un riciclo dedicato,

Il percorso prevede una fase sperimentale, di almeno 12 mesi a partire da ottobre 2020, con una nuova modulistica dichiarativa a parità di contributi ambientali, ma con una netta distinzione delle tipologie di imballaggi che saranno oggetto di diversificazione (le categorie di poliaccoppiati con una componente carta inferiore all’80%).

Ricordiamo che ai fini del Contributo ambientale Conai, per imballaggi poliaccoppiati a prevalenza carta (o imballaggi accoppiati con altri materiali) si intendono gli imballaggi costituiti in modo strutturale da due o più materiali non separabili manualmente, in cui il materiale prevalente in termini di peso è la carta e il peso del materiale non cellulosico è comunque superiore al 5% del peso complessivo dell’imballaggio.
Per maggiori informazioni e approfondimenti è possibile consultare il sito di Conai.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info