Bestack presenta il packaging anti-spreco: l'imballaggio attivo in cartone ondulato che consente di salvare frutta e verdura dalla deperibilità

Il 14/09/2016

  • Macfrut Agorà - Hall Sud - Rimini Expo Centre

Bestack, il consorzio non profit di ricerca dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta, presenta i risultati di uno studio pionieristico condotto dall'Università di Bologna sul ruolo del packaging nella lotta allo spreco alimentare.
Nel corso della conferenza stampa sarà presentato in anteprima l'imballaggio in cartone attivo brevettato da Bestack che consente di allungare la shelf life dei prodotti ortofrutticoli contenuti di oltre 1 giorno e mezzo rispetto al cartone tradizionale, risultato sorprendente dato che il cartone era già la tipologia di imballaggio che garantiva i tempi di commercializzazione più ampi, più di  tre giorni rispetto alle casse di plastiche a sponde abbattibili, così come definito sempre dall'Università di Bologna tre anni fa e confermato da un recente studio di Fefco.

A conclusione di un percorso di ricerca quinquennale sostenuto anche da Comieco che, solo nell'ultimo anno, ha compreso 4.500 analisi e 200 campionamenti su fragole, albicocche e nettarine, è stato dimostrato che l'imballaggio attivo brevettato Bestack - un packaging innovativo con l'aggiunta di oli essenziali naturali in grado di contrastare la deperibilità di frutta e verdura - consentirebbe di evitare ogni anno che nel nostro Paese 850 mila tonnellate di prodotti ortofrutticoli finiscano nella spazzatura. Con evidenti benefici in termini economici (un miliardo di euro il risparmio stimato) e ambientali.
Mercoledì 14 Settembre 2016 ore 13.30
Macfrut Agorà - Hall Sud - Rimini Expo Centre



I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info