15/11/2012

Bookcity: 'Identità di Carta. Libri, giornali, documenti e oggetti quotidiani nella costruzione di una coscienza individuale e collettiva'.

 La carta ha contribuito ad unire gli italiani e a costruire una coscienza individuale e collettiva. A partire dalla metà dell'800 - periodo storico che ha visto l'introduzione di innovazioni tecnologiche nella produzione di carta che hanno consentito la diffusione capillare degli ideali unitari - attraverso riviste e giornali si sono create le condizioni culturali per la formazione di una coscienza civile che si sono sviluppate sempre più nella società odierna.

Nel corso della giornata, si approfondiranno gli ambiti in cui, la carta, ha giocato un ruolo fondamentale nella costruzione di un'identità collettiva: si pensi alla carta intesa come supporto per la veicolazione di idee e contenuti, nella redazione e pubblicazione di libri, di giornali e di manifesti pubblicitari, come documento per la registrazione, come fonte per una ricerca, ma anche carta intesa come materiale di uso comune che diventa essa stessa un pezzo della nostra storia e della nostra identità.
Il pomeriggio si articolerà in tre diversi momenti:

Il convegno "Carte d'identità. Documenti, simboli e oggetti di carta nella costruzione dell'Italia e degli italiani", che vedrà la partecipazione di:

• Giangiacomo Schiavi - Giornalista e Vicedirettore Corriere della Sera
Il quotidiano: l'evoluzione del ruolo dei giornali nella formazione dell'opinione pubblica

• Raimonda Riccini - Coordinatrice del Dottorato in Scienze del design Università IUAV Venezia,
Il libro fra materialità e conoscenza

• Ferruccio Parazzoli - Scrittore ed editor presso Arnoldo Mondadori Editore
'Per queste strade. Il volto su una mappa'

• Marina Messina - Direttore del Polo dell'Ottocento di Milano
Documentalità: la carta come fonte indispensabile per la redazione della ricerca storica

• Paola Lenarduzzi - Graphic designer, Milano
Il libro e l'immagine

 Carlo Montalbetti - Direttore Generale di COMIECO
La carta come espressione di cultura civica: esperienze di raccolta differenziata

A seguire, nello spazio espositivo del chiostro di Palazzo Moriggia, verrà inaugurata la mostra “La carta unisce gli italiani” . Percorso di immagini tesa ad analizzare il ruolo giocato dalla carta nella formazione di una coscienza nazionale unitaria. L’iniziativa vuole sottolineare come la diffusione di fogli, resa possibile dalle innovazioni tecnologiche introdotte nella produzione della carta a metà del 1800, abbiano permesso la diffusione capillare degli ideali unitari attraverso riviste e giornali, creando le condizioni culturali per la formazione di una coscienza civile.

La giornata si concluderà con una Lettura drammatizzata "La carezza del Re. Miti e simboli dell'Italia unita." Estratti dalle pagine di 'Cuore', di Edmondo De Amicis, a cura di Paolo Colombo - Docente di Storia delle Istituzioni Politiche - Università Cattolica del Sacro Cuore Milano.

E' con questo spirito che, in occasione di Bookcity Milano - l'appuntamento aperto a tutti dal 16 al 18 novembre 2012 che vedrà, nella città di Milano, libri e lettura protagonisti, attraverso centinaia di eventi, incontri con autori, presentazioni, dialoghi, letture ad alta voce, mostre, spettacoli, seminari - Comieco Consorzio Nazionale per il Recupero e il Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica, ha voluto dare vita a 'Identità di Carta. Libri, giornali, documenti e oggetti quotidiani nella costruzione di una coscienza individuale e collettiva', una manifestazione che intende ricordare ed evidenziare il peso fondamentale che la carta continua ad avere nella società contemporanea, anche grazie al corretto riciclo e alla raccolta differenziata. Del resto, in Italia, all’uso quotidiano della carta - un materiale riciclabile, biodegradabile e compostabile – si affianca ormai da tempo anche la buona pratica della raccolta differenziata di carta e cartone, un’abitudine consolidata per 8 connazionali su 10 (Fonte: indagine IPSOS COMIECO).

E i benefici di questo impegno comune sono evidenti sia in termini economici - per via dei mancati costi di discarica, dei vantaggi sociali connessi ai nuovi posti di lavoro creati e dei benefit ambientali dovuti alle minori emissioni (basti pensare che il beneficio complessivo che il riciclo della carta e del cartone ha portato agli italiani nel 2011 è stato pari a 478 milioni di euro) - che in termini ambientali - grazie ai risultati della raccolta differenziata, si è evitata la costruzione di ben 248 nuove discariche, 26 solo nel 2011).

 

Per informazioni:
Paolo Garzonio, paolo.garzonio@tin.it
Aurélie Martin, Comieco, tel: 02-55024.227 martin@comieco.org
Costanza Zanolini - Ufficio stampa Comieco – 02.8900870 - czanolini@eidos.net

 

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info