15/05/2017

Carta e cartone campioni nella prevenzione

In Italia il materiale cellulosico più sottoposto a interventi di prevenzione risulta il cartone ondulato con il 56% dei casi, sul secondo gradino del podio troviamo il cartone teso con il 27% e a distanza la carta da imballo con il 10% (elaborazione Comieco su casi di imballaggi in carta e cartone premiati dal Bando Prevenzione Conai anni 2013-2015-2016).
L’azione di prevenzione maggiormente diffusa riguarda il risparmio di materia prima (52%), seguita a distanza dall’ottimizzazione dei volumi (19%) e dalla facilitazione del riciclo (14%). Le aziende italiane cominciano a intervenire sul packaging facendo sempre più attenzione all’origine rinnovabile delle materie prime, alla biodegradabilità e compostabilità.
Consulta nella banca dati Best Pack gli imballaggi in carta e cartone premiati al Bando Prevenzione Conai.
Consulta il regolamento del Bando Prevenzione Conai 2017 (scadenza 30/06/2017).

In linea con le tendenze europee il packaging sostenibile ricerca principalmente la leggerezza e riciclabilità, sono da premiare quindi quei progetti che si impegnano nella riduzione del peso e nell’uso di materiali riciclabili o che comunque ne facilitino il riciclo (es. i materiali facilmente separabili).
Nei prossimi cinque anni potrebbe essere l'astuccio pieghevole il protagonista degli interventi di prevenzione sul mercato, come indicato dai risultati delle ricerca Pro Carton "L’importanza della sostenibilità nel packaging: l’opinione dei proprietari di marchi e rivenditori di 5 mercati chiave europei" in cui l'astuccio risulta l'imballaggio più ‘versatile' e più ‘sostenibile’ per i canali distributivi più complessi (multicanalità).
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info