07/09/2010

Carta e cartone: in Lombardia il 30% della raccolta differenziata nazionale

La Lombardia si conferma il principale giacimento della raccolta differenziata di carta e cartone in Italia. Con quasi 600.000 tonnellate raccolte nel 2009 contribuisce infatti nella misura del 30% all’intera raccolta nazionale. La crescita percentuale rispetto al 2008 è del +1% che corrisponde a oltre 5.000 tonnellate di nuova raccolta. E’ quanto emerge dal XV Rapporto sulla Raccolta Differenziata di Carta e Cartone pubblicato da Comieco.

La media procapite della Lombardia nel 2009 è di 63 kg/ab, nettamente al di sopra della media nazionale di 52,6 kg/ab” ha dichiarato Carlo Montalbetti, Direttore Generale di Comieco “A livello provinciale, Cremona si conferma al primo posto con un procapite di oltre 74 kg. A livello comunale invece Milano con un procapite di 68,5 Kg si colloca al sesto posto nella classifica dei capoluoghi nazionali”.
Da considerare molto positivi i dati di raccolta della province di Sondrio e Mantova, che con un procapite rispettivamente di 71,7 kg/ab e 70,4 kg/ab occupano il secondo e il terzo posto della graduatoria. Su scala provinciale il livello di raccolta procapite fornisce un quadro omogeneo su tutta la regione: Lodi, Brescia, Milano, Bergamo e Varese fanno registrare valori superiori alla media nazionale. A seguire Lecco, Como e Pavia.

Gli ottimi risultati nella raccolta differenziata hanno consentito ai Comuni della regione di beneficiare anche di notevoli vantaggi economici: “Solo nel 2009 il sistema Comieco ha trasferito ai comuni della Lombardia oltre 13,5 milioni di euro come corrispettivo per i servizi di raccolta differenziata ” ha spiegato Montalbetti. Ma non è tutto.

 Fare la raccolta differenziata significa anche risparmio ulteriore in termini di economia (per i mancati costi di discarica, ad esempio), di ambiente (mancata produzione di CO2) ma anche sociale (nuovi posti di lavoro connessi al
riciclo).
Negli ultimi 11 anni in Lombardia, grazie alla raccolta differenziata sono stati risparmiati quasi 700 milioni di euro” – ha concluso Montalbetti.
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info