04/05/2021

Il packaging cosmetico va a tutta sostenibilità

La transizione ecologica del settore cosmetico è già in atto e va a tutta velocità. Anzi sostenibilità.

Lo conferma l’immissione sul mercato di prodotti innovativi dei colossi del settore che fanno del loro impegno ambientale una vera e propria strategia di produzione al 2030, coerente con i Sustainable Goals delle Nazioni Unite.
Tutte le iniziative messe in campo dalle aziende denotano come il packaging sia un aspetto niente affatto secondario e il ruolo della carta emerge centrale sia come imballaggio primario che secondario, che sottoforma di etichetta. La carta è riciclabile e rinnovabile e vien da sé che offre diverse opportunità di innovazione nell’era dell’economia circolare, anche in sostituzione di altri materiali tradizionalmente utilizzati per il confezionamento.


Si assiste quindi a una rivoluzione di packaging e di prodotto, tra i trend più diffusi ritroviamo shampoo e creme allo stato solido che si confezionano in cartoncino, spesso fatto di fibre riciclate o provenienti da foreste gestite in modo sostenibile. Anche la logistica riporta benefici evidenti quando gli interventi di ecodesign consentono il risparmio di materia prima: un imballaggio primario o secondario alleggerito e ridotto nelle dimensioni consente il trasporto di un maggior quantitativo di prodotto su un pallet standard.

Consulta le altre innovazioni raccolte nella banca dati Best Pack di Comieco, qui gli imballaggi per la cosmetica che hanno ricevuto premi per la loro sostenibilità.

 

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info