20/03/2019

Packaging in carta e cartone, quando sostenibilità e innovazione si incontrano

L’industria cartaria italiana investe 420 milioni di euro all’anno in innovazione. Riciclabilità e biodegradabilità i punti di forza degli imballaggi cellulosici.

Nell’ambito della seconda edizione del Mese del riciclo di carta e cartone, Comieco ha presentato una nuova ricerca sullo stato dell’innovazione della filiera cartaria italiana. Lo studio, condotto dal professor Marco Frey della Scuola Universitaria Superiore Sant’Anna di Pisa, conferma che l’industria cartaria italiana è tra le prime in Europa per capacità di innovare processi e prodotti.
Un settore al passo coi tempi nell’epoca della rivoluzione digitale, in grado di distinguersi per dinamismo sia nella fase progettuale del packaging, che nell’ambito del riciclo. Un dato significativo la cui conferma arriva dagli investimenti in innovazione: l’industria cartaria europea investe complessivamente 3,5 miliardi di euro l’anno mentre in Italia la cifra si aggira intorno ai 420 milioni di euro.

Imballaggi cellulosici e innovazione sono anche protagonisti del primo Bando Invenzioni di Comieco Factory, il programma di Comieco dedicato alle imprese produttrici e utilizzatrici che punta a diffondere la cultura della sostenibilità, valorizzando nel contempo tutte le azioni che le aziende mettono in atto per lo sviluppo di imballaggi in carta e cartone sempre più innovativi ed ecosostenibili.

La giuria ha assegnato il primo premio di 20.000 Euro a Bestack, Consorzio Imballaggi in Cartone Ondulato di Forlì, che ha presentato il brevetto per invenzioni “imballaggio per ortofrutta trattato con una soluzione antimicrobica”, per il livello di innovazione e l’esempio efficace di prevenzione dell’impatto ambientale lungo tutta la filiera.
Il secondo premio di 10.000 Euro è andato a SCIA Packaging Srl di Aci Sant’Antonio (CT) con il brevetto modello di utilità “scatola con separatori incorporati per contenere oggetti“, per la modalità con cui è stata affrontata una sfida particolarmente complessa che ha permesso di avere un imballaggio mono-materiale.
Il terzo premio di 5.000 Euro è andato a Antonio Sada & Figli S.p.A. di Pontecagnano Faiano (SA) e al suo brevetto per invenzioni “imballaggio mono pezzo in cartone ondulato con semplificato sistema di apertura a strappo per l’ottenimento di scatole a bocca di lupo”, per l’utilizzo della logica verticale del packaging che consente di ottenere vantaggi lungo tutto il processo di filiera, dal produttore al consumatore, e per i criteri ambientali adottati in fase progettuale.
La giuria ha deciso infine di riconoscere una menzione speciale al brevetto per invenzioni “materiale composito ad alta sostenibilità ambientale” di Next Materials Srl, spin-off affiliato al Consorzio Interuniversitario per la Scienza e Tecnologia dei Materiali del Politecnico di Milano, per l’alto livello di innovazione del materiale composto da fibre di cellulosa, anche riciclata, e da una matrice polimerica idrosolubile.
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info