16/05/2011

Torino, Salone del Libro: premiato il vincitore di "Riciclare? Un classico"

Tre grandi talenti della letteratura italiana “sposano” il riciclo della carta: Paolo Giordano, Diego De Silva e Francesco Piccolo hanno consegnato al Salone Internazionale del Libro di Torino il premio per “Riciclare? Un classico!”, il concorso letterario voluto da Comieco insieme alla casa editrice Minimum Fax, per sensibilizzare i cittadini sull’importanza delle buone pratiche di raccolta e di riciclo della carta.

Come la carta può rinascere attraverso il riciclo, così anche un classico della letteratura può essere riciclato e prendere nuova forma: è questa la filosofia di “Riciclare? Un classico!”.
Un modo originale per sottolineare come le parole scritte sulla carta, allo stesso modo dei milioni di imballaggi, sacchetti, giornali e libri raccolti quotidianamente, possono così trasformarsi e rinascere continuamente proprio grazie al riciclo.

Nell’ambito del concorso, ai tre scrittori - De Silva, Giordano e Piccolo - Comieco ha chiesto di riscrivere l'incipit di altrettanti capolavori della letteratura contemporanea (“Sabato sera, domenica mattina” di Alan Sillitoe; “Revolutionary Road” di Richard Yates e “Il Migliore”, di Bernard Malamud). Al pubblico, invece, il compito di completare l’opera e offrire quindi una “seconda vita” a questi capolavori.

La vincitrice del concorso è Raffaella Migliaccio, la quale ha riscritto, in forma ridotta, Revolutionary Road di Yates, proseguendo l’incipit di Paolo Giordano. La giuria, composta anche dai tre scrittori, ha scelto la vincitrice perché è riuscita a seguire l’impronta narrativa indicata da Giordano, pur rimanendo fedele allo stile di Yates. Nelle parole di Paolo Giordano: “Il racconto di Raffaella Migliaccio mantiene viva la tensione inespressa, nevrotica che grava su tutte le coppie raccontate da Richard Yates, senza negare loro certi squarci improvvisi di tenerezza e compassione. Nelle frasi sempre a doppio taglio risuona la voce spietata e asciutta dello scrittore americano. Il finale, poi, è perfetto e proietta un'ombra paurosa su quella sequenza di gesti e situazioni che fino a un attimo prima ci appariva così normale, quasi inoffensiva.”

La vincitrice si aggiudica un angolo lettura, composto da una chaise longue e un modulo libreria, interamente in cartone riciclato e una fornitura di libri per arricchire la propria libreria.

Del resto, che gli italiani siano un popolo di scrittori e lettori lo confermano anche i dati di Istat, Comieco e Assocarta, sulla lettura e i quantitativi di carta utilizzati nell’editoria. Nel 2010, infatti, il numero dei lettori in Italia è aumentato del +2% rispetto al 2009. Ogni anno vengono pubblicati in media 60.000 libri, il 60% dei quali sono nuovi titoli, per un impiego di carta nel 2009 stimato in 135 mila tonnellate (stime di Assocarta).

Bene anche la carta da macero nell’editoria:
“In Italia sta aumentando significativamente il peso della carta da macero all’interno del sistema editoriale e di stampa italiano – commenta Piero Attoma, Presidente di Comieco – “Nel 2009, secondo le stime di COMIECO, sono state utilizzate per uso grafico oltre 360.000 tonnellate di carta riciclata, ovvero il 7,2% del totale di carta da macero impiegata nel 2009, pari a 5 milioni di tonnellate. “
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info